Il cattivo uso alimentare è sinonimo d’inciviltà!

Evitare lo spreco è elemento fondamentale per tutti noi

Lo spreco alimentare italiano ha un valore di oltre 3,5 miliardi di euro annui, spreco che sale a 15,5 miliardi di euro se lo si somma allo spreco alimentare domestico. 15,5 miliardi di euro corrispondono a circa l’ 1% del PIL (Prodotto interno lordo).Dalla campagna (946.229.325) alla produzione industriale (1.111.916.133) agli sprechi nella distribuzione (1.444.189.543).

Eppure nei cassoni della raccolta differenziata dei supermercati troviamo centinaia di Kg di pane ogni giorno, senza considerare i Kg di invenduto dei reparti di gastronomia e….fatevi un giro attorno ai vari Fast Food …ci troverete, sempre nei cassonetti, centinaia e centinaia di burgher, di dolcetti vari che sono stati preparati ma non venduti entro il tempo “ X “ dalla loro preparazione.

Eppure esiste una campagna nazionale contro lo spreco, e questi dati vengono presentati al via della campagna Spreco zero 2017/2018 come i risultati scientifici dei “Diari di Famiglia”, condotti nelle settimane antecedenti ; trattasi ovviamente di un campione statistico composto di 400 famiglie di tutta Italia. I dati verranno  resi noti a febbraio 2018, in occasione della 5. Giornata Nazionale di Prevenzione dello Spreco alimentare. Le 400 famiglie, ogni giorno  hanno annotato su appositi formulari composti da parti compilative e chiuse…… il cibo gettato ad ogni pasto, con annessa motivazione: il modello è stato realizzato dal WRAP, in Inghilterra, che ha realizzato ad oggi l’esperimento sul campione più ampio in assoluto (più di 100 famiglie).

Eppure in Africa, in certi Paesi di questo continente, per non dire in tutti o quasi, manca il cibo ; i Bambini vengono nutriti con farina di tapioca a cui , quando è disponibile, viene aggiunta un pochino di carne di pollo all’ incirca 1 pollo ogni dieci/dodici kg di farina di tapioca. Ci chiediamo poi perché appena possono salgono sui barconi dei disperati per venire da noi in Europa ?

Questo è il grave paradosso del nostro tempo bulimico e sprecone

Nei prossimi giorni ed esattamente il 28 novembre a Bologna vi sarà la presentazione della campagna europea Spreco Zero di Last Minute Market presso la Quadreria Palazzo Magnani, sede Unicredit. La campagna viene sostenuta da un pool di aziende dell’agroalimentare italiano e del packaging nazionale: Unicredit, Comieco, Istituto Nazionale Imballaggio, Granarolo SpA, Alce Nero, Conapi-Mielizia, Camst e Conad.  In  questa occasione verranno consegnati dei riconoscimenti ? Il premio si chiama  Vivere a Spreco Zero

E’ dunque fondamentale ed indispensabile promuovere e condividere le pratiche di prevenzione atte a ridurre e speriamo nel futuro…azzerare gli sprechi alimentari . adottate sul territorio nazionale da soggetti Alcuni soggetti pubblici e privati hanno iniziato questo importante percorso che speriamo venga preso, rapidamente, ad esempio da altri Privati, dalle categorie d’ Impresa da  Amministrazioni Pubbliche e Scuole.

Claudio Mantovani

 

 

The following two tabs change content below.

Giampaolo Santini

Editore a Sport & Work
Editore - Vice-Presidente Scrum Italia