Teatro Officina: vanno in scena “C’era una volta un albero” e “Utopia”

 

A SEGNALI EXPERIMENTA TORNA IL GRANDE LEO BASSI CON “UTOPIA”. PER I PIU’ PICCOLI, L’LTO PROPONE “C’ERA UNA VOLTA UN ALBERO”

Ultimi due appuntamenti per la XXIX edizione del Festival Internazionale del Teatro di Gruppo “Segnali Experimenta – Circuiti Lombardia Spettacolo dal Vivo 2017”.

Domenica 11 giugno alle 16.30, per la sezione denominata “Teatro in Famiglia” all’Auditorium Comunale di Urgnano, presso la Scuola Media, in Via dei Bersaglieri, 67, il Laboratorio Teatro Officina presenta “C’ERA UNA VOLTA UN ALBERO” con Gabriella Sicigliano ed Ettore Rodolfi su testo e per la regia di Gianfranco Bergamini, delicata fiaba ecologica sul rapporto tra ragazzo e natura. Chiude in bellezza il Festival, sabato 17 giugno alle 21.30 sempre in Auditorium, “UTOPIA” di Leo Bassi,  un grande della clownerie. Apolide e poliglotta, tra gli innovatori del linguaggio circense del dopoguerra, Bassi è considerato un gigante mondiale dello spettacolo e della provocazione. Il nostro, una sintesi tra Benigni, Grillo e Dario Fo, è da sempre impegnato nella difesa del laicismo e riconosciuto come l’ispiratore del movimento spagnolo degli “Indignados”. Discendente da una famiglia circense fondata 150 anni fa in Italia da un ex-garibaldino, dopo una carriera di acrobata nei più grandi music-hall del pianeta (è cresciuto tra le braccia di Louis Armstrong e Groucho Marx), diventa uno dei più grandi giocolieri del mondo. Negli anni ’70 lascia i successi del circo per portare la propria arte in strada e legarla ai valori della società, diventando uno degli inventori del “nouveau cirque”. Crea spettacoli basati sulla provocazione-agitazione, sul nonsense, sugli eccessi, rompendo generi e collocandosi in una zona franca tra il comico, l’arte circense, l’agitazione sociale e il teatro. Parla otto lingue, riceve montagne di querele, si è trovato una bomba in camerino da parte dei movimenti integralisti e non si ferma davanti a niente.

Con lo spettacolo “Utopia” si scaglia contro il potere costituito, la finanza mondiale, anticipando incredibilmente la crisi del modello neo-liberista e delle ideologie, smascherate attraverso la forza e la poesia del clown. Il quotidiano El Pais ha definito lo spettacolo “la speranza come soluzione alla crisi”. In poco più di un’ora di spettacolo Leo Bassi cuce insieme attualità, veemenza, pungente sarcasmo, una clownerie che tiene conto di chi è quest’artista oggi, dopo anni di frizzante

carriera, e di che cosa può essere in grado di fare l’artista di circo in un mondo che ha bisogno di ridere ma anche di aprire gli occhi e di prendere consapevolezza.

L’ingresso a “Utopia” di Leo Bassi è di Euro 10,00, quello a “C’era una volta un albero” dell’LTO è di Euro 5.00. Per “Teatro in Famiglia” ogni due adulti paganti è previsto l’ingresso omaggio per un bambino. Posti in sala 99. Si consiglia la prenotazione.

Per informazioni: LTO Tel. 035891878, cell. 340 4994795, email. laboratorioteatrofficina@gmail.com, sito web. www.laboratorioteatrofficina.it

 

ASSOCIAZIONE LABORATORIO TEATRO OFFICINA
COMUNE DI URGNANO – Assessorato alla Cultura
REGIONE LOMBARDIA – Assessorato Istruzione, Formazione e Cultura Progetto “Circuiti Lombardia Spettacolo dal Vivo”

FONDAZIONE DELLA COMUNITA’ BERGAMASCA onlus

 

The following two tabs change content below.

Giampaolo Santini

Editore a Sport & Work
Editore - Vice-Presidente Scrum Italia