Nuovi sport, per aiutare il sociale, esperienza in Colombia – sport & fumetto

on

Succede in Colombia a Medellin, grazie a Juan Piercing e il Frisbee
Juan Piercing, è un giocatore di Frisbee, ha giocato per 14 anni ad Ultimate Frisbee e da 5 si è cimentato nella disciplina del Freestyle Frisbee.foto gruppo-intervistadue
Recentemente ha anche partecipato ai mondiali, che si sono disputati a Medellin, nella sua Colombia.
Ma la sua più grande vittoria è un particolare progetto che mira alla diffusione di nuove discipline sportive e tramite un corso di Frisbee, insegna lo sport ai ragazzi disabili.

Ecco l’intervista a Juan, che vi proponiamo per Sport e Work, direttamente dalla Colombia e grazie alla preziosa traduzione di Eleonora Imazio, esperta interprete e traduttrice laureata a Trieste e atleta, piazzatasi seconda agli ultimi mondiali.

1) Com’è nato il progetto e in cosa consiste?
Lo scorso febbraio, l’ufficio sport dell’INDER (istituto ricreativo e sportivo) di Medellín mi ha assunto per entrare nel nuovo progetto “Escuela adrenalina” per sviluppare la disciplina del Freestyle Frisbee. Il progetto punta a diffondere nuove tendenze sportive.

2) Perché hai deciso di lavorare con questi ragazzi? Quali le gioie e che risultati hai/avete raggiunto?
Avevo già lavorato due anni fa con questi ragazzi, li ho conosciuti durante una dimostrazione: mi sono avvicinato all’istituto “Andencol” per avviare una collaborazione e loro mi hanno accettato. Ogni nuovo esercizio è un traguardo che li fa sorridere e questo è molto gratificante. La cosa che mi rende più felice è vedere che amano giocare con il Frisbee. I risultati arrivano lentamente, ma in ogni gruppo c’è sempre qualcuno che impara qualcosa di nuovo e questo mi sprona a continuare.

3) Quanti ragazzi partecipano hai corsi? E che tipo di disabilità hanno?
Ci sono due gruppi che lavorano un’ora e mezza a settimana. In ogni gruppo ci sono circa 8 ragazzi e 6 ragazze con disabilità come la sindrome di Down, l’autismo, la sindrome da deficit di attenzione.

4)Com’è strutturata di solito una lezione?
Le mie lezioni si svolgono come normali allenamenti sportivi: riscaldamento e stretching, e poi lavoro con gli Spinjammer (dischi con un cono nella parte inferiore NDT) o con dischi simili prodotti in Colombia – che non sono leggeri come gli originali, ma funzionano.

5) Hai ricevuto aiuto nello sviluppo del progetto?
In realtà l’ho studiato basandomi sulla mia esperienza.

6) Quando ti alleni?
Di solito sono impegnato con gli studi di formazione sportiva all’Universidad de Antioquia oppure a insegnare Freestyle Frisbee, ad allenare la squadra femminile di Ultimate Frisbee “Kalipso” o a giocare con la mia squadra maschile di Ultimate, gli “Atawk”, perciò inserisco gli allenamenti di Freestyle Frisbee nei ritagli di tempo.

7) Parlaci un po’ della tua carriera sportiva (quando hai iniziato, i tornei, ecc.)
Gioco ad Ultimate Frisbee da 14 anni e a Freestyle Frisbee da 5. Prima non pensavo a gareggiare, volevo solo imparare. Ho partecipato 3 volte al torneo in spiaggia di Santa Marta (nel nord della Colombia, NDT) senza competere e quest’estate ho partecipato al mondiale di Freestyle Frisbee organizzato dall’FPA a Medellín, in Colombia e ne sono rimasto estasiato. Spero di potere partecipare di nuovo a un mondiale prima o poi.

8) Perché il Frisbee?
È una domanda difficile, ma direi per la pace che trasmette il volo del disco. Per la difficoltà, la sfida di riuscire a farlo girare e per l’equilibrio mentale necessario per mantenere il disco stabile sull’unghia. Perché il Frisbee permette di disegnare nell’aria e di provare cose nuove, sorridendo quando riesco a completare un trick, o anche solo quando lo provo…

9) Vuoi ringraziare qualcuno?
Avrei una lista infinita, ma cercherò di non dimenticare nessuno: Carlitos Mario per avermi insegnato ad amare l’equilibrio del disco sull’unghia (mossa tipica del Freestyle NDT) (prima ero un giocatore di Ultimate convinto), Pablo Azul per essere un allievo che ama le sfide, che mi ha superato e che mi ha dato molta carica. Alfonso Lopez Velez per avermi spronato e per avere messo una buona parola per questo progetto, INDER per appoggiare la crescita di questo sport, Toddy Brodeur e Fabio Sanna per essere stati i primi a sostenere lo sviluppo dello sport nella nostra città, tutti i giocatori che hanno partecipato ai mondiali FPA a Medellin nel 2014, ogni giocatore che ha condiviso con me anche pochi istanti con il disco e mia figlia Juana Maria che è la mia vita e mi stimola ad andare avanti.

Gianluigi Gavitelli

Gianluigi Gavinelli, novarese, si occupa di disegno, creatività ed editoria. All’età di 19 anni ha deciso di rendere utile la sua grande passione per il disegno partecipando a numerosi concorsi. Nel 2008 una sua storia a fumetti viene selezionata e pubblicata da De Falco Editore sul libretto “Vita giovane”. Nel 2010, forte della sua capacità imprenditoriale, forma un gruppo di disegnatori con i quali produce in proprio la rivista a fumetti “Il Fortino”, partecipa alla manifestazione “Fumetti a Novara” e alla Sagra di San Rocco, pubblica una striscia a fumetti nel numero speciale di Natale del Corriere Valsesiano e contemporaneamente con la casa editrice “Mamme on line” pubblica la raccolta “Risate di Buon Natale”.

Comincia nel 2011-2012 la sua esplosione creativa: per la casa editrice “Kabaedizioni” escono i libri, “I fantasmi del castello di Dunster”, “Legami d’acqua” e “ Semaforo rosso”. Con l’associazione “Accademia dal Rison” collabora con il Corriere di Novara disegnando il gioco “Trova le differenze” e brevi racconti di bimbe capricciose per You can print.
Con il nome di GIGIO collabora al sito “Satira libera” e alla rivista “Nel, notiziario degli enti locali C.G.I.L. Piemonte. Adesso inizia la sua avventura in Sport & Work.
www.librieillustrazioniilfortino.it
ilfortino2@alice.it
gianluigi.gavinelli@alice.it

Concorsi: 17° Concorso Laghese di Narrativa e Poesia
Informazioni disponibili sul sito del Comune di Lagosanto.

Premio letterario Marcello Colombo Per l’anno 2014 l’Associazione Amici di Marcello, in collaborazione con il Comune di Cabiate, il Comune di Meda e altri enti pubblici e privati, indice la settima edizione del PREMIO LETTERARIO Marcello Colombo, manifestazione gratuita riservata a ragazze e ragazzi nati tra il 1 gennaio 1989 e il 31 dicembre 2000. Concorso letterario la lettura: info sul sito, masedomani,.com, concorso letterario.SCN_0002

SCN_0011

LBN: la newsletter delle buone notizie in questo numero di Sport e Work è dedicata a Giorgio Perlasca – Marcella Girelli (suor Luisa) e tutte le religiose di nostra signora di Sion a Roma, nel 1943.
BUONE NOTIZIE/UMORISMO/SPORT/CONCORSI

Nuovi sport, per aiutare il sociale, esperienza in Colombia – sport & fumetto

on

Succede in Colombia a Medellin, grazie a Juan Piercing e il Frisbee
Juan Piercing, è un giocatore di Frisbee, ha giocato per 14 anni ad Ultimate Frisbee e da 5 si è cimentato nella disciplina del Freestyle Frisbee.foto gruppo-intervistadue
Recentemente ha anche partecipato ai mondiali, che si sono disputati a Medellin, nella sua Colombia.
Ma la sua più grande vittoria è un particolare progetto che mira alla diffusione di nuove discipline sportive e tramite un corso di Frisbee, insegna lo sport ai ragazzi disabili.

Ecco l’intervista a Juan, che vi proponiamo per Sport e Work, direttamente dalla Colombia e grazie alla preziosa traduzione di Eleonora Imazio, esperta interprete e traduttrice laureata a Trieste e atleta, piazzatasi seconda agli ultimi mondiali.

1) Com’è nato il progetto e in cosa consiste?
Lo scorso febbraio, l’ufficio sport dell’INDER (istituto ricreativo e sportivo) di Medellín mi ha assunto per entrare nel nuovo progetto “Escuela adrenalina” per sviluppare la disciplina del Freestyle Frisbee. Il progetto punta a diffondere nuove tendenze sportive.

2) Perché hai deciso di lavorare con questi ragazzi? Quali le gioie e che risultati hai/avete raggiunto?
Avevo già lavorato due anni fa con questi ragazzi, li ho conosciuti durante una dimostrazione: mi sono avvicinato all’istituto “Andencol” per avviare una collaborazione e loro mi hanno accettato. Ogni nuovo esercizio è un traguardo che li fa sorridere e questo è molto gratificante. La cosa che mi rende più felice è vedere che amano giocare con il Frisbee. I risultati arrivano lentamente, ma in ogni gruppo c’è sempre qualcuno che impara qualcosa di nuovo e questo mi sprona a continuare.

3) Quanti ragazzi partecipano hai corsi? E che tipo di disabilità hanno?
Ci sono due gruppi che lavorano un’ora e mezza a settimana. In ogni gruppo ci sono circa 8 ragazzi e 6 ragazze con disabilità come la sindrome di Down, l’autismo, la sindrome da deficit di attenzione.

4)Com’è strutturata di solito una lezione?
Le mie lezioni si svolgono come normali allenamenti sportivi: riscaldamento e stretching, e poi lavoro con gli Spinjammer (dischi con un cono nella parte inferiore NDT) o con dischi simili prodotti in Colombia – che non sono leggeri come gli originali, ma funzionano.

5) Hai ricevuto aiuto nello sviluppo del progetto?
In realtà l’ho studiato basandomi sulla mia esperienza.

6) Quando ti alleni?
Di solito sono impegnato con gli studi di formazione sportiva all’Universidad de Antioquia oppure a insegnare Freestyle Frisbee, ad allenare la squadra femminile di Ultimate Frisbee “Kalipso” o a giocare con la mia squadra maschile di Ultimate, gli “Atawk”, perciò inserisco gli allenamenti di Freestyle Frisbee nei ritagli di tempo.

7) Parlaci un po’ della tua carriera sportiva (quando hai iniziato, i tornei, ecc.)
Gioco ad Ultimate Frisbee da 14 anni e a Freestyle Frisbee da 5. Prima non pensavo a gareggiare, volevo solo imparare. Ho partecipato 3 volte al torneo in spiaggia di Santa Marta (nel nord della Colombia, NDT) senza competere e quest’estate ho partecipato al mondiale di Freestyle Frisbee organizzato dall’FPA a Medellín, in Colombia e ne sono rimasto estasiato. Spero di potere partecipare di nuovo a un mondiale prima o poi.

8) Perché il Frisbee?
È una domanda difficile, ma direi per la pace che trasmette il volo del disco. Per la difficoltà, la sfida di riuscire a farlo girare e per l’equilibrio mentale necessario per mantenere il disco stabile sull’unghia. Perché il Frisbee permette di disegnare nell’aria e di provare cose nuove, sorridendo quando riesco a completare un trick, o anche solo quando lo provo…

9) Vuoi ringraziare qualcuno?
Avrei una lista infinita, ma cercherò di non dimenticare nessuno: Carlitos Mario per avermi insegnato ad amare l’equilibrio del disco sull’unghia (mossa tipica del Freestyle NDT) (prima ero un giocatore di Ultimate convinto), Pablo Azul per essere un allievo che ama le sfide, che mi ha superato e che mi ha dato molta carica. Alfonso Lopez Velez per avermi spronato e per avere messo una buona parola per questo progetto, INDER per appoggiare la crescita di questo sport, Toddy Brodeur e Fabio Sanna per essere stati i primi a sostenere lo sviluppo dello sport nella nostra città, tutti i giocatori che hanno partecipato ai mondiali FPA a Medellin nel 2014, ogni giocatore che ha condiviso con me anche pochi istanti con il disco e mia figlia Juana Maria che è la mia vita e mi stimola ad andare avanti.

Gianluigi Gavitelli

Gianluigi Gavinelli, novarese, si occupa di disegno, creatività ed editoria. All’età di 19 anni ha deciso di rendere utile la sua grande passione per il disegno partecipando a numerosi concorsi. Nel 2008 una sua storia a fumetti viene selezionata e pubblicata da De Falco Editore sul libretto “Vita giovane”. Nel 2010, forte della sua capacità imprenditoriale, forma un gruppo di disegnatori con i quali produce in proprio la rivista a fumetti “Il Fortino”, partecipa alla manifestazione “Fumetti a Novara” e alla Sagra di San Rocco, pubblica una striscia a fumetti nel numero speciale di Natale del Corriere Valsesiano e contemporaneamente con la casa editrice “Mamme on line” pubblica la raccolta “Risate di Buon Natale”.

Comincia nel 2011-2012 la sua esplosione creativa: per la casa editrice “Kabaedizioni” escono i libri, “I fantasmi del castello di Dunster”, “Legami d’acqua” e “ Semaforo rosso”. Con l’associazione “Accademia dal Rison” collabora con il Corriere di Novara disegnando il gioco “Trova le differenze” e brevi racconti di bimbe capricciose per You can print.
Con il nome di GIGIO collabora al sito “Satira libera” e alla rivista “Nel, notiziario degli enti locali C.G.I.L. Piemonte. Adesso inizia la sua avventura in Sport & Work.
www.librieillustrazioniilfortino.it
ilfortino2@alice.it
gianluigi.gavinelli@alice.it

Concorsi: 17° Concorso Laghese di Narrativa e Poesia
Informazioni disponibili sul sito del Comune di Lagosanto.

Premio letterario Marcello Colombo Per l’anno 2014 l’Associazione Amici di Marcello, in collaborazione con il Comune di Cabiate, il Comune di Meda e altri enti pubblici e privati, indice la settima edizione del PREMIO LETTERARIO Marcello Colombo, manifestazione gratuita riservata a ragazze e ragazzi nati tra il 1 gennaio 1989 e il 31 dicembre 2000. Concorso letterario la lettura: info sul sito, masedomani,.com, concorso letterario.SCN_0002

SCN_0011

LBN: la newsletter delle buone notizie in questo numero di Sport e Work è dedicata a Giorgio Perlasca – Marcella Girelli (suor Luisa) e tutte le religiose di nostra signora di Sion a Roma, nel 1943.
BUONE NOTIZIE/UMORISMO/SPORT/CONCORSI

One Comment

  1. Paolo ha detto:

    Ottimo! Fa piacere ogni tanto leggere di cose positive. Avanti così.

Comments are closed.